Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Alto Adige, utilizzo d’acqua in modo sostenibile

venerdì, 22 marzo 2019

Bolzano – Necessario un consumo sostenibile dell’acqua potabile. L’acqua risorsa vitale, bene da tutelare. Agenzia provinciale per ambiente e tutela del clima invita a utilizzarlo in modo sostenibile.

Rubinetti - acqua 0L’Agenzia provinciale ambiente e tutela del clima invita a utilizzare l’acqua potabile in modo sostenibile. In Alto Adige vi sono 1700 sorgenti e oltre 100 pozzi potabili; 600 le aree di tutela.
L’approvvigionamento idrico potabile pubblico in Alto Adige viene garantito da circa 1700 sorgenti e da oltre 100 pozzi potabili. I cittadini altoatesini dispongono di acqua di ottima qualità. Avere sempre a disposizione acqua sia per il consumo personale che per agricoltura, industria o turismo, può apparire un fatto normale, ma non è assolutamente scontato. Negli ultimi anni i cambiamenti climatici sono causa di lunghi periodi di siccità con conseguenti carenze idriche, dalle quali anche l’Alto Adige non è esente. Secondo studi scientifici potrebbero verificarsi spostamenti delle precipitazioni e della loro intensità con conseguenze sull’alimentazione delle falde acquifere.

“L’utilizzo consapevole e sostenibile del bene acqua è di assoluta rilevanza per garantire anche in futuro un equilibrio fra il fabbisogno idrico e la disponibilità di acqua” fa presente l’assessore provinciale all’ambiente Giuliano Vettorato. La Provincia ha implementato provvedimenti normativi per tutelare e garantire un utilizzo sostenibile della risorsa acqua. Vi è il Piano generale che disciplina l’utilizzo sostenibile delle acque pubbliche per i diversi usi in Alto Adige e che indica anche le linee fondamentali per una sistematica regolazione dei corsi d’acqua. Particolare riguardo è rivolto alle esigenze di difesa del suolo e delle risorse idriche. L’acqua potabile è salvaguardata fin dall’origine attraverso i piani di tutela e viene costantemente monitorata e analizzata.

“Le risorse idriche vengono tutelate in modo particolare” fa presente Thomas Senoner, direttore dell’ufficio gestione sostenibile delle risorse idriche presso l’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima. “Attualmente in territorio altoatesino – così Senoner – vi sono 600 aree di tutela per l’acqua potabile la cui superficie totale è di 782 km². Ne è interessato circa il 10% del territorio provinciale. In queste aree, situate prevalentemente in zone boschive o non coltivate, vigono particolari prescrizioni a salvaguardia della qualità idrica”.

Ogni cittadino è chiamato a fornire il proprio contributo adottando un comportamento consapevole nell’utilizzo dell’acqua potabile e nel restituire alla natura l’acqua utilizzata nelle migliori condizioni qualitative. L’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima torna a sensibilizzare i cittadini in occasione della giornata mondiale dell’acqua che ricorre domani 22 marzo e che nel 2019 si incentra sul tema “Non lasciare nessuno indietro: diritti umani e rifugiati”. Via radio da oggi, 21 marzo, al 27 marzo su RTT, NBC e su RadioItalia Anni 60 viene diffuso lo spot “Acqua, un bene prezioso” che è anche fruibile su SoundCloud. Il video realizzato lo scorso anno “Chiudi il rubinetto” è visibile sul canale YouTube della Provincia e dal 31 gennaio 2019 è online nella Mediateca di Pubblicità Progresso.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136