Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Alto Adige: meno impianti a fune, ma più moderni. I dati

martedì, 9 ottobre 2018

Alto Adige – Gli impianti a fune sono in flessione in Alto Adige, ma la portata è in forte aumento. Il bilancio, tracciato nell’ultima ricerca dell’ASTAT pubblicata in un volume sugli impianti a fune in Alto Adige, fotografa il settore. A fine 2016 erano 369 gli impianti a fune: numeri in calo, ma la portata sale a quota 523mila persone all’ora(Nella foto IDM/Frieder Blickle impianti a fune moderni, e con maggiore portata, in Alto Adige). 

cabinovie - alto adige 1

L’Istituto provinciale di statistica (ASTAT), in collaborazione con l’Ufficio funivie, ha pubblicato la trentesima edizione di Impianti a fune in Alto Adige. Nel volume  vengono presentati i principali dati statistici relativi agli impianti a fune a fine 2016 analizzandone sia l’offerta che la domanda. La pubblicazione si compone di due parti: la prima descrittiva, la seconda tabellare. Nella prima parte vengono esposti i dati strutturali, l’utilizzo degli impianti, i dati economici e i confronti con altri ambiti territoriali. Nella seconda parte vengono invece presentati i dati relativi ai singoli impianti funiviari. A fine 2016, in Alto Adige, erano operativi 369 impianti a fune, 6 meno dell’anno precedente e ben 69 meno del 1980.

Diminuiscono gli impianti, dunque, ma aumenta di molto la capacità degli stessi: se nel 1990 la portata degli impianti a fune in Provincia di Bolzano era di 382.000 persone all’ora, nel 2016 ha raggiunto quota 523.000. La crescita è frutto principalmente della notevole evoluzione del settore dal punto di vista tecnico: basti pensare che la portata media di un impianto a fune è passata dalle 202 persone all’ora nel 1960 alle 1000 del 1995, sino a raggiungere le attuali 1418 persone all’ora. Per quanto riguarda il numero di persone trasportate, la stagione 2015/2016 ha fatto registrare il quarto dato più alto di sempre con 126.837.616 persone. Con 7.756.016 persone, invece, l’estate 2015 è stata assolutamente da record.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136