QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Alto Adige: l’aereo dell’Istituto TFO “Max Valier” presentato ufficialmente

giovedì, 20 ottobre 2016

Bolzano – Installato con intervento del Dipartimento lavori pubblici assieme alla scuola, il velivolo è stato presentato oggi (Foto di Ufficio manutenzione opere edili).aereo-mooney-m20

Sarà saltato agli occhi di molti cittadini in transito da via Sorrento a Bolzano: un piccolo velivolo sbuca dalla vegetazione del cortile scolastico delle ITI di lingua tedesca e sembra in fase di decollo. Pur essendo un apparecchio vero, è in realtà un’installazione artistica tecnica. Come sia giunto il piccolo aereo nell’areale della scuola è stato spiegato questa mattina, 20 ottobre, presso la scuola Technologische Fachoberschule TFO “Max Valier”, in via Sorrento 20 a Bolzano, alla presenza dell’assessore provinciale alla Cultura, Istruzione e Formazione professionale in lingua tedesca, Philipp Achammer, del direttore di Dipartimento Cultura italiana, Edilizia pubblica e abitativa, Paolo Montagner, del direttore dell’Ufficio manutenzione opere edili, Daniel Bedin, e della direttrice dell’istituto scolastico, Barbara Willimek.  È quindi avvenuta anche la sua benedizione.

Nel settembre 2015 la direttrice della scuola Max Valier Barbara Willimek ha aveva fatto richiesta all’Ufficio manutenzione opere edili di far installare, nella zona ingresso della scuola, a scopi ornamentali, un aereo “Mooney M20” (privo di motore) donato alla scuola dal proprietario Josef Prast tramite il padre di Felix Reinisch, alunno dell’istituto. Il velivolo era parcheggiato in un hangar presso l’Aereoporto di Bolzano.

Dopo le necessarie verifiche tecniche, e aver richiesto l’autorizzazione urbanistica in Comune, si è studiata la migliore soluzione statica approntandone i necessari interventi. Insieme alla scuola è stata individuata l’ubicazione che potesse rappresentare al meglio il velivolo, che gli stessi studenti coordinati dagli assisstenti tecnici dell’istituto e in particolare dal professore Thomas Seebacher (direttore di progetto), hanno provveduto a smontare senza danneggiare le sue parti.
Per l’installazione si è presa ad esempio un’analoga operazione portata a termine in Australia.

L’assessore provinciale Achammer ha ricordato la realtà dell’alternanza scuola/lavoro già presente nelle scuole altoatesine, di cui l’istituto TFO “Max Valier” ne è un esempio positivo, dove l’impegno si abbina alla passione anche nell’extrascuola.

Il direttore del Dipartimento Montagner, appassionato di volo, ha posto in evidenza l’analogia della preparazione del pilota prima di affrontare il volo, alla formazione degli studenti, che con lo studio e l’esercizio pratico di quanto appreso si preparano ad essere pronti e liberi di affrontare la vita futura.

L’incarico di realizzazione della struttura portante e installazione dell’aereo è stato affidato alla ditta X- Metall. Il velivolo è stato installato con il nuovo anno scolastico, il 28 settembre 2016. L’investimento compiuto ammonta a circa 8mila Euro. Tutti i lavori di assemblaggio, montaggio delle ali ed altri, sono stati eseguiti direttamente dai tecnici dell‘Istituto “Max Valier”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136