QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Alto Adige: acquistato l’archivio dell’architetto Othmar Barth

mercoledì, 5 ottobre 2016

Bolzano – La Giunta ha autorizzato la stipula di un contratto di compravendita per acquisire il fondo archivistico dell’architetto brissinese Othmar Barth, nato nel 1927 e scomparso nel 2010, considerato il pioniere dell’architettura moderna in Alto Adige. “Othmar Barth è stato il più significativo e innovativo architetto altoatesino della seconda metà del ventesimo secolo. Per questo la Provincia ha deciso di acquisire e conservare il suo fondo archivistico, che rappresenta un’ampia documentazione della sua opera architettonica”, sottolinea l’assessore provinciale ai beni culturali Florian Mussner, che ha presentato la proposta.mod

L’archivio comprende circa 240 progetti ideati da Othmar Barth fra il 1954 e il 2007, documentati e corredati da modelli, planimetrie, schizzi, foto e diapositive. Il fondo archivistico costituisce pertanto una testimonianza storica importante dello sviluppo della cultura edilizia del ventesimo secolo in Alto Adige e nel’arco alpino. Tra le opere progettate da Barth figurano l’Accademia Cusano e la zona residenziale Zinggen-Roßlauf a Bressanone, l’hotel Ambach al lago di Caldaro, il complesso abitativo di Aslago e il Centro pastorale a Bolzano.

“Vogliamo che questa documentazione sia conservata e resa accessibile nella sua completezza”, aggiunge Mussner. Il prezzo di acquisto dell’archivio Barth è stato oggetto di perizia e stimato in 270mila euro. Una volta acquisito dalla Provincia, il fondo sarà consegnato all’Archivio provinciale per la conservazione ed elaborazione a favore dei cittadini.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136