Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Allevatori, le nuove regole nazionali non valgono in Alto Adige

venerdì, 23 febbraio 2018

Bolzano – Conferenza Stato-Regioni: l’Alto Adige non dovrà adeguarsi alle nuove normative nazionali valide per gli allevatori. L’autonomia dell’Alto Adige trova applicazione anche nel settore agricolo, in maniera particolare per quanto riguarda gli allevatori. Su iniziativa degli assessori Arnold Schuler Michele Dallapiccola al termine della Conferenza Stato-Regioni è stato inserito un passaggio che consente alle due province autonome di Bolzano e Trento di non adeguarsi alle novità previste dalla normativa nazionale. Il relativo decreto dovrà ora passare al vaglio della commissione agricoltura di Camera e Senato, ma Schuler sottolinea che “il nuovo ordinamento che disciplina la riproduzione animale, che in realtà è una rivisitazione della legge del 1991, contiene una serie di punti alquanto problematici per la particolare situazione altoatesina di cui siamo riusciti ad evitare l’applicazione”.

In concreto, e al contrario di quanto inizialmente previsto dalla legge statale, gli allevatori altoatesini non saranno obbligati a diventare membri delle associazioni nazionali relative alle singole razze animali, ma potranno continuare a far parte dei gruppi locali, che sono inquadrati come cooperative agricole. Spetterà poi solamente alle associazioni di categoria locali affiliarsi a quelle nazionali, liberando però il singolo allevatore da quest’obbligo. Oltre a ciò, le specificità altoatesine saranno al riparo da un altro passaggio considerato problematico a livello locale, ovvero quello riguardante la creazione di associazioni uniche a livello nazionale per quanto riguarda le singole categorie di animali: razze da latte, razze da carne e razze a duplice attitudine (da latte e da carne). Un risultato salutato con favore in quanto, in caso contrario, vi sarebbe stata una notevole complicazione dal punto di vista organizzativo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136