QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Allarme per la presenza di valori inquinanti elevati in Val di Non

martedì, 22 ottobre 2013

Cles – Allarme per la presenza di diossina nel latte materno in Val di Non e anche in Valsugana. Lo ha svelato Roberto Cappelletti, presidente di “Medici per l’ambiente del Trentino”, che svela dati diversi rispetto a quello in possesso della Provincia di Trento. La realtà è stata definita preoccupante. perché? “Dalle analisi in nostro possesso – svela Cappelletti – in Valsugana le emissioni diffuse di polvere contenente diossina sono dieci volte superiori rispetto a quelle diffuse”.

frutteti

Le prime rilevazioni sulle emissioni di agenti inquinanti dell’acciaieria di Borgo Valsugana risalgono al 2009 e un gruppo di medici ha avviato il monitoraggio si fumi inquinanti e pesticidi in Val di Non. L’obiettivo è invertire la tendenza con una politica di controlli sul territorio e monitoraggio dei prodotti alimentari.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136