QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Alghe sul lago d’Iseo, interrogazione Lega Nord al Pirellone. Rolfi: “Tavolo di confronto, urge soluzione definitiva”

mercoledì, 6 settembre 2017

Iseo – Venerdì 8 settembre verrà discussa dal Consiglio regionale un’interrogazione sul proliferare dell’alga ‘vallisneria spiralis’ nelle acque del Sebino. Ne dà notizia l’interrogante e Presidente della Commissione Sanità e politiche sociali del Pirellone, Fabio Rolfi.

Alghe davanti alla piazzetta di Clusane“Si tratta ormai di un problema che si ripropone da diverso tempo – spiega Rolfi – con maggiore intensità ogni anno che passa e accentuato dalle condizioni climatiche dell’attuale stagione estiva. La crescita incontrollata di una particolare specie di alga, la ­‘vallisneria spiralis’, che per effetto del trascinamento tende ad accumularsi nel basso lago nelle zone di Iseo, Clusane e Sarnico, causa danni non soltanto sul versante del turismo, pur importantissimo, ma allo stesso ecosistema del lago. Fra le altre conseguenze il proliferare incontrollato di questa specie dà problemi alla pesca e impedisce alla luce di filtrare nelle acque, riducendo così la disponibilità di ossigeno dei pesci. Bisogna quindi porre in essere una soluzione, realizzabile e che possa giovare a tutto il sistema-lago, inteso sia come bacino economico che come ambiente da proteggere.

Attualmente l’attività di rimozione, svolta dall’Autorità di Bacino dei laghi d’Iseo, Endine e Moro, data la quantità di materiale giornaliero, risulta del tutto insufficiente; da ciò consegue la necessità di attuare soluzioni maggiormente incisive rispetto a quelle attuali, come ad esempio l’eradicazione dai fondali, che agiscano in termini di prevenzione, garantendo così risultati duraturi. Per questo motivo ho voluto portare la questione all’attenzione del Consiglio regionale, con questa interrogazione che verrà trattata nella seduta di venerdì 8 settembre. Nel documento si chiede all’Assessore alla partita se non sia il caso di attivare di un tavolo di confronto con le Province di Bergamo e Brescia, l’Autorità di bacino e i rappresentanti dei Comuni costieri, per la definizione – conclude l’esponente della Lega Nord – di interventi strutturali che consentano di contrastare la proliferazione di alghe sul Sebino.”


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136