QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Ala: interventi per la valorizzazione dei siti della Grande Guerra. In ripristino la Fuciliera coperta di Marani, le fortificazioni e i siti più rilevanti

mercoledì, 6 agosto 2014

Ala - Il Comune di Ala è particolarmente attento alle celebrazioni dell’anniversario della Grande Guerra, portando alla memoria gli episodi della Prima Guerra Mondiale che hanno toccato in maniera più sensibile il territorio alense.Marani Cantiere trentino ala

Stasera, mercoledì 6 agosto alle 20:30 presso il piazzale della stazione di Ala, sarà la messinscena Partire… e per dove? – Viaggio teatrale all’alba della Grande Guerra a rievocare i momenti di mobilitazione generale e delle prime partenze dei soldati per il fronte nell’agosto 1914.

Un altro fronte di attività legate alla celebrazione del Centenario riguarda il ripristino e la valorizzazione dei siti che conservano testimonianza della Grande Guerra: tutto il territorio del Comune è ricco di luoghi suggestivi sotto questo punto di vista, e nelle zone più significative sono stati avviati cantieri e interventi di manutenzione.  (FOTO)

Da pochi giorni sono iniziati i lavori di ripristino di una parte della lunga Fuciliera coperta di Marani: noto come il Trincerone, il lungo sbarramento costruito nel punto più stretto del crinale si sviluppa attraverso i vigneti fino ai piedi del monte Zugna sotto il santuario di San Valentino.

A breve, conclusi i lavori sarà possibile percorrerlo dall’interno per rivivere l’atmosfera dei momenti della lunga guerra di posizione che determinò il logorio dell’esercito austroungarico bloccato dalla resistenza italiana a Passo Buole. Il cantiere è allestito dal Servizio Ripristino della Provincia Autonoma di Trento in collaborazione con l’Associazione Nazionale Alpini Gruppo di Ala, l’Associazione Cacciatori Trentini Sezione di Ala, l’Associazione Storico Culturale Memores e la Sat-Cai Sezione di Ala.

Nell’arco di alcuni mesi, il progetto proseguirà con la sistemazione delle fortificazioni di prima linea in località la Villetta a Chizzola e in località Busoni, sulla Sega di Ala. Qui, sono state individuate postazioni di rilievo (ripari, sedi per l’artiglieria e cannoniere) da valorizzare lungo la linea italiana che si sviluppava dal monte Baldo allo Zugna.

Ulteriori interventi riguarderanno la manutenzione di cimiteri a Passo Buole – dove il 29 e 30 maggio 1916 gli italiani fermarono l’offensiva austriaca – e la messa in luce dei resti della chiesetta di San Marco a cura dell’Associazione Memores.

L’assessore alla Cultura del Comune di Ala, Paolo Mondini, rivela che «Il Comune ha affidato incarico per la rilevazione dei siti più interessanti sul territorio di pertinenza lungo il percorso del Sentiero della Pace dal Monte Zugna fino a Passo Buole, con l’intenzione di indicare con apposita segnaletica le postazioni più rilevanti». Continua l’assessore: «È importante la scelta del Comune di impegnarsi in questi recuperi, ma non possiamo dimenticare che in queste sedi è fondamentale l’apporto dei volontari e delle associazioni di volontariato, per l’avvio e la manutenzione degli spazi».

Infine, nell’ambito del Progetto armistizio – in accordo con gli altri soggetti partecipanti: Comune di Rovereto Città della pace, Fondazione Opera Campana dei Caduti, Museo Storico Italiano della Guerra, Sacrario di Casteldante, Comunità della Vallagarina e Provincia autonoma di Trento – il Comune di Ala intende attuare una rivisitazione degli spazi e delle pertinenze del parco della Biblioteca Comunale di Ala che, senza stravolgerne le funzioni originali, consenta di creare un Percorso della Memoria sul tema della vicenda storica di Ala e del suo territorio, in particolare per evidenziare e comunicare l’alto valore simbolico a livello nazionale e internazionale dell’evento avvenuto a Serravalle il 29 ottobre 1918, quando una delegazione austroungarica chiese la sospensione delle operazioni militari e si avviò il percorso che il successivo 3 novembre portò alla firma dell’armistizio di Villa Giusti a Padova.

A tale scopo, è in fase di predisposizione un bando per un concorso di idee e progettazione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136