QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ala, inaugurata la nuova caserma dei carabinieri. Mennitti: “Una garanzia di sicurezza”

sabato, 31 ottobre 2015

Ala – Una nuova caserma al passo con i tempi. C’erano carabinieri, polizia, finanzieri, vigili del fuoco, politici e moltissimi cittadini ad Ala per l’inaugurazione della nuova caserma dei carabinieri in via Regina Teodolinda.carabinieri Ala

Per l’occasione c’erano anche il comandante della Legione Trentino Alto Adige Massimo Mennitti e il comandante provinciale Maurizio Graziano. “Un edificio che ci permette di lavorare con maggiore efficienza, garantendo riservatezza a chi accede e contribuendo alla sicurezza del settimo comune trentino», – ha spiegato con soddisfazione il maresciallo Roberto Baù, a capo della nuova stazione”.

Il sindaco Soini: “Una bella festa per l’Arma, che non rappresenta più soltanto la pura autorità. I cittadini infatti collaborano spesso con i carabinieri in caso di necessità”

Nel piazzale della nuova stazione dei carabinieri di Ala, per la cerimonia dell’alzabandiera davanti al comandante Baù, e per il taglio del nastro, erano in molti anche i cittadini.

La bandiera italiana benedetta dal parroco di Ala don Gianpietro Baldo è stata consegnata ai militari dalla presidente del consiglio comunale Feliciana Bruni. «Una struttura realizzata secondo i canoni del comando generale» ha spiegato il comandante Roberto Baù.

«Presenti dal 1918, i carabinieri svolgono il proprio lavoro con costante impegno a garanzia della sicurezza della città» – ha detto il sindaco Claudio Soini.

«Un’inaugurazione che Ala attendeva da anni. E oggi i carabinieri sono visti più come un punto di riferimento, che come dei sanzionatori», ha aggiunto l’assessore provinciale Tiziano Mellarini.

«Il contatto con la gente è la forza dell’Arma e questo contatto viene dalle stazioni sul territorio, simbolo della presenza dello Stato e presidio che garantisce la legalità e la pacifica convivenza» – ha proseguito il comandante provinciale dei carabinieri Maurizio Graziano.

I lavori per realizzare a Ala una struttura più funzionale alle attività dei carabinieri sono solo i primi di una serie di lavori sulle stazioni di Pieve di Bono, Predazzo e altre realtà tra cui Trento.

«Una stazione che si trova in una terra dove la responsabilità è forte anche tra chi la amministra, dove il nostro ruolo più che repressivo è di prevenzione e garanzia» ha detto il comandante della Legione Trentino Alto Adige Massimo Mennitti.

Alla giornata sono intervenuti anche il commissario del governo Francesco Squarcina, il questore di Trento Massimo D’Ambrosio, il comandante regionale della finanza Marcello Ravaioli e quello provinciale Fabrizio Nieddu, il procuratore della Repubblica Aldo Celentano.  Tra i politici, il senatore Vittorio Fravezzi, i consiglieri provinciali Lorenzo Baratter, Claudio Civettini e Maurizio Fugatti, il sindaco di Avio Federico Secchi, il presidente della Comunità della Vallagarina Stefano Bisoffi e l’assessore Alberto Pinter.

La sede
Una sede singolare, costruita tutta intorno a un’ex casa cantoniera che è stata appositamente ristrutturata ed ampliata. Da questo punto di vista è stato anticipato il volere del Paese che ha disposto da poco il riutilizzo delle Case Cantoniere, da anni ormai superate e quindi inutili.

I lavori, durati quasi due anni, sono costati 1milione e 500.000 euro, finanziati in gran parte dalla Provincia. Il comune di Ala ha speso 150mila euro.

L’edificio ospiterà da subito sei carabinieri. Comprende un’ex casa Anas degli anni ’30, ben conservata dal punto di vista strutturale, che con il progetto si è scelto di valorizzare assegnandole un nuovo ruolo, ristrutturandola e consolidandola nel tentativo di modificarla il meno possibile.

La casa è stata ampliata verso nord per facilitare gli accessi e assecondare la naturale tendenza del terreno. Questa nuova parte di edificio ha due piani e un piano seminterrato, ed ospita le zone operative, logistiche e di servizio della caserma.
La forma dello stabile è quella di un trapezio, ben visibile e facilmente raggiungibile dalla strada statale 12.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136