QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Open Academy Theatre al Teatro delle Ali di Breno: giovedì c’è “La Signorina Papillon”

lunedì, 25 gennaio 2016

Breno – Giovedì 28 gennaio alle 19.30 il Teatro delle Ali di Breno torna ad ospitare gli Open Academy Theatre, la mini-rassegna di tre appuntamenti dedicata ai corsi del Dipartimento di Teatro dell’Accademia Arte e Vita.

Si tratta di un ciclo di spettacoli-incontri nel corso dei quali il gruppo di lavoro – diretto dal regista e attore Lorenzo Trombini – propone agli spettatori del Teatro i risultati dei corsi, ma anche i retroscena più intriganti, tra training attoriale, nascita dell’idea registica e l’incalzare delle prove. Ad andare in scena una versione de “La Signorina Papillon (Nel paese dei brutti sogni)” di Stefano Benni.

La Signorina Papillon: il secondo Open Academy Theatre del Teatro delle Ali

Giovedì 28 gennaio alle 19.30 al Teatro delle Ali va in scena “La Signorina Papillon”, il secondo appuntamento con gli Open Academy Theatre, il ciclo d’incontri con il Dipartimento di Teatro dell’Accademia Arte e Vita diretto dall’attore e regista Lorenzo Trombini. L’obiettivo degli Open Academy Theatre è quello di proporre allo spettatore non solo il prodotto artistico, ma anche di raccontare – attraverso le voci di Trombini e dei suoi allievi – il percorso in Accademia, il training attoriale, la genesi dell’idea registica, l’incalzare delle prove e l’emozione della prima. la signorina papillon

“La Signorina Papillon (Nel paese dei brutti sogni)” è un testo di Stefano Benni che racconta del privato e del pubblico; dei sogni e della realtà; del passato e del futuro. Ma lo fa in un costante equilibrio tra gli estremi. Non si è mai completamente addormentati, ma mai completamente svegli; non si è mai persi nel passato, ma mai proiettati nel futuro; non si è mai completamente al sicuro nel proprio giardino, ma mai completamente esposti ai rischi del mondo.

In questo equilibrio tra gli opposti emergono quattro personaggi: Rose, Armand, Millet, Marie Luise. Rose, la piccola sognatrice, sembra essere la più lucida, ma allo stesso tempo la più ingenua.

Armand, Millet, Marie Luise paiono indecisi tra l’essere insignificanti e l’essere grandiosi, tra il fare e il non fare, tra l’eroicità e la meschinità. La signorina Papillon riporta ai giorni nostri il costante, antico dilemma del principe Amleto: essere / non essere. Lo riporta in modo a tratti giocoso, a tratti irriverente, a tratti accusatorio. E lo dissolve in maniera molto più sbrigativa (o no?!) rispetto a Shakespeare. Certamente in maniera più attuale. Il dilemma si dissolve infatti nell’ammissione stessa dei personaggi:teatro ali breno
“Ma voi, chi siete?”
“Simpatiche macchiette, Rose.”
“O forse assassini.”

LA SIGNORINA PAPILLON (Nel paese dei brutti sogni)

Progetto Salvini, Accademia Arte e Vita – Associazione Teatro Studio
di Stefano Benni
regia Lorenzo Trombini
aiuto regia Martina Giurini
cast: Rose Papillon: Valentina Ghetti – Armand de Fariboles Rolandìs: Marco Pedrazzetti – Constantin Trobarclus Millet: Ivan Bernardi – Marie Luise: Siria Valoti

La Signorina Papillon – Accademia Arte e Vita | Associazione Teatro Studio

giovedì 28 gennaio – ore 19.30
Platea: intero 14€ – ridotto 10€ | Galleria: intero 11€ – ridotto 8€


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136