QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ai cori di Sat e Sosat l’Aquila di San Venceslao

giovedì, 19 gennaio 2017

Trento – I cori della Sat e della Sosat, due pilastri della coralità alpina e due presidi fondamentali dell’identità trentina, sono stati insigniti ieri sera del sigillo Aquila di San Venceslao, massima onorificenza provinciale. Ad officiare la cerimonia, tenutasi nella sala Depero del Palazzo della Provincia, a 90 anni dalla nascita ufficiale della coralità alpina, il governatore del Trentino Ugo Rossi, assieme all’assessore Mauro Gilmozzi. AQUILA DI SAN VENCESLAO AI CORI SAT E SOSAT“In questi 90 anni di storia – ha detto Rossi – la coralità trentina ha rappresentato un fattore riconoscibile della nostra identità e una testimonianza tangibile dell’ attenzione che riserviamo alle tradizioni popolari all’interno del nostro panorama culturale. Questo evento è dunque in primo luogo da parte nostra un modo per dire grazie a Sat e Sosat, due cori speciali che hanno contribuito a rafforzare la nostra specialità autonomistica.

“Il vostro impegno – ha detto ancora il governatore del Trentino – ha contribuito ha tenere vive le tradizioni di un popolo e di un territorio, con passione ed impegno, e ha rappresentato un elemento di coesione prezioso per la nostra comunità. Come Trentino abbiamo bisogno di fare sistema e di tenere ‘alta’ la nostra immagine nel mondo. I cori ci hanno aiutato, ci aiutano e ci aiuteranno anche in futuro a fare tutto questo, sia in Italia che all’estero”.

A ricevere il riconoscimento i presidenti di Sat e Sosat e Sosat Claudio Pedrotti e Andrea Zanotti.

“In occasione del 90° della coralità alpina – si legge nella pergamena consegnata assieme al sigillo a ciascun coro – con riconoscenza per essere ambasciatore del Trentino, rappresentando un movimento – fatto di gente impegnata e consapevole – che esprime un’identità basata sulla memoria e sulla trasmissione culturale. Voivida testimonianza di come cantare in coro sia sinonimo di aggregazione e coesione sociale, concretizzando e valorizzando una dimensione “popolare” che esprime un valore unico e sempre attuale”.

Nell’ambito della cerimonia Sat e Sosat, diretti dai maestri Mauro Pedrotti e Roberto Garniga, hanno eseguito tre brani ciascuno.

Coro della SAT:
- “Serenada a Castel Toblin” di Luigi Pigarelli
- “La Dosolina” di Antonio Pedrotti
- “Fila fila” di Luigi Pigarelli

Coro della SOSAT:
- “La rosa delle alpi” di Franco Sartori
- “Viaggio trentino” di Luigi Pigarelli
- “L’ultima alba” di Roberto Garniga


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136