Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Adunata degli Alpini: esercenti trentini pronti all’accoglienza

venerdì, 16 marzo 2018

Trento – Centinaia di operatori hanno affollato mercoledì sera l’aula magna della sede Seac in via Solteri per l’incontro informativo sull’Adunata nazionale degli Alpini, promosso da Confcommercio Trento. Oltre ad un quadro generale sul grande appuntamento di maggio, nell’occasione sono state illustrate le iniziative che riguardano le attività di pubblico esercizio e gli aspetti organizzativi e logistici che le imprese dovranno affrontare nei giorni dell’Adunata.

riunioneErano presenti

Per Confcommercio Trento:

Giovanni Bort, Presidente Confcommercio Trento

Massimo Piffer e Giorgio Buratti, Vice presidenti Confcommercio Trento

Per il Comitato Organizzatore dell’Adunata:

Maurizio Pinamonti, Presidente ANA Trento e Vice presidente del COA

Renzo Merler, Vice presidente ANA Trento e responsabile accoglienza, viabilità e trasporti

Luciano Rinaldi, Segretario del COA

Marzio Bodria, Responsabile marketing del COA

Per il Comune di Trento:

Roberto Stanchina, Assessore al commercio e sviluppo economico

Lino Giacomoni, Comandante Corpo Polizia Locale Trento-Monte Bondone

Mauro Eccel e Pierangelo Vescovi, Commissari Capi Corpo Polizia Locale Trento-Monte Bondone

A fare gli onori di casa il Presidente di Confcommercio Trento Giovanni Bort: «Ricordo ancora l’Adunata del 1987, fu una manifestazione straordinaria. Quella di maggio lo sarà ancora di più. Sarà un momento di incontro e una grande opportunità per far conoscere alle migliaia di visitatori in arrivo la nostra città e le nostre attività commerciali – ha detto Bort -. Gli alpini hanno dato tantissimo al territorio, sono sempre disponibili e anche in occasione dell’Adunata porteranno tanta allegria e calore, oltre a importanti ricadute in termini economici. Importante, dunque, sarà anche il nostro ruolo: gli esercizi pubblici dovranno fare la loro parte per trasmettere l’immagine positiva di una città aperta e accogliente».

«E’ più di un anno che stiamo lavorando assieme, esaminando tutte le problematiche e cercando di limare al minimo i disagi – afferma il Presidente della Sezione ANA di Trento Maurizio Pinamonti. L’Adunata degli Alpini è un evento gioioso, una festa collettiva che coinvolgerà tutta la comunità. C’è un’aspettativa enorme per l’appuntamento di Trento e la macchina organizzativa sta lavorando sodo per accogliere le 600mila persone annunciate e a trasformare la grande sfilata in una festa per tutto il Trentino. Un’adunata che abbiamo fortemente voluto portare a Trento in occasione del centenario dalla fine della Prima Guerra Mondiale per trasmettere valori di pace, solidarietà e fratellanza».

Anche l’assessore al commercio Roberto Stanchina ha sottolineato le ricadute positive dell’Adunata: «Sono attesi flussi sei volte superiori a quelli che abbiamo durante i grandi eventi, come mercatini di Natale e Mostra dell’agricoltura. Qualche disagio ci sarà, ma siamo convinti di aver lavorato egregiamente assieme al COA e alle forze dell’ordine affinché tutto sia all’altezza di una manifestazione di tale portata: questa è un’occasione che capita una volta ogni 30 anni. Da parte nostra abbiamo cercato di sburocratizzare il più possibile gli esercizi pubblici: chi ha il plateatico potrà posizionare spillatrici e banchi di mescita all’esterno senza dover fare richiesta».

Tra le iniziative proposte dal Comitato Organizzatore, in collaborazione con le associazioni di categoria, anche la possibilità di aderire alla convenzione «Amici degli Alpini». Agli esercizi che aderiranno sarà consegnato un kit di accoglienza (vetrofanie, cartelli, gadget) e visibilità sui canali dell’Adunata: un segno concreto di vicinanza al popolo alpino che dal 10 al 13 maggio animerà la città.

Lino Giacomoni, Comandante Corpo Polizia Locale Trento-Monte Bondone, ha infine illustrato alla platea le chiusure a zona e le modifiche alla viabilità che entreranno in vigore nei giorni dell’Adunata.  «Chiediamo la collaborazione di tutti. L’obiettivo comune è quello di limitare al minimo i disagi e per questo invitiamo ad utilizzare il più possibile i mezzi pubblici».

Tutte le linee, sia su gomma che rotaia, saranno potenziate e a breve sarà disponibile una card che, al costo di 5 euro, permetterà non solo agli alpini ma a tutti i cittadini la libera circolazione, oltre all’entrata gratuita e agevolazioni nei musei del Trentino.

Sul fronte pulizia, saranno predisposte per la prima volta in un’Adunata nazionale degli Alpini sei isole sanitarie in centro città, presidiate 24h su 24 da mezzi e operatori, che avranno un raggio d’azione di circa 200 metri e saranno segnalate con delle frecce. Di supporto, nelle aree di maggior affluenza come attendamenti e zona dell’ammassamento, saranno collocate ulteriori postazioni, per un totale di quasi 900 bagni chimici sparsi per la città.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136