QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Acli trentine, il messaggio del presidente Gardumi al XXVI congresso. Interventi di Dorigatti e Plotegher

domenica, 17 aprile 2016

Trento – Oggi si è svolto il XXVI Congresso Provinciale delle Acli Trentine, presso l’aula Magna dell’Istituto Arcivescovile, sul tema “Niente paura. Con le Acli attraversiamo il cambiamento“, che nel pomeriggio ha anche eletto i componenti del nuovo Consiglio provinciale, del Consiglio regionale e i delegati al Congresso Nazionale.

acli trento

La sfida che ha di fronte il movimento aclista in questa fase storica, caratterizzata da una crisi di civiltà senza precedenti, come ha sottolineato il presidente provinciale Fausto Gardumi (nella foto di apertura), nella sua relazione, è quella di passare da un sistema fatto da diverse associazioni e servizi (Caf, Patronato, Viaggi, Enaip) ad un organismo unico che, pur rispettando le varie autonomie di funzione, riesca a rispondere attraverso uno sportello unico a tutti i bisogni dei cittadini.

Altra sfida – ha spiegato Gardumi – è “rinnovare i servizi alla persona in una società fortemente toccata dalle trasformazioni del lavoro per aprirsi ai giovani anche con nuovi servizi di rappresentanza del lavoro, previdenza e assistenza”.

Fra gli obiettivi del congresso ci sarà poi il rinnovo dei gruppi dirigenti con l’elezione del nuovo Consiglio provinciale aclista, che rappresenta il vero “parlamentino” del movimento e nel quale verrà eletta, in un secondo momento, la nuova Presidenza e il nuovo Presidente che resteranno in carica nei prossimi quattro anni.

Nelle prossime settimane inizieranno le assemblee pre-congressuali dei 68 Circoli, che eleggeranno 394 delegati al congresso e delle associazioni specifiche, che ne eleggeranno altri 50.

Le Acli rappresentano in Trentino una realtà che organizza 20mila iscritti e che raggiunge circa 200.000 cittadini ogni anno attraverso i suoi servizi ramificati in tutto il territorio provinciale.

ACLI_Dorigatti_Plotegher 1

IL MESSAGGIO 

Riscrittura delle regole dell’autonomia: occorre uno sforzo collettivo. Il presidente del Consiglio provinciale, Bruno Dorigatti (terzo da sinistra) al congresso ACLI, ha lanciato un appello alla fiducia e ad un grande sforzo collettivo per superare il delicato momento che stiamo vivendo.

Partendo dalla constatazione della crisi diffusa, che è anche crisi della politica e della rappresentanza, il presidente Bruno Dorigatti ha richiamato la necessità di ricostruire un progetto per il nostro territorio partendo dalla fiducia e dal cambiamento. “Un cambiamento che va però governato insieme, con il contributo di tutti: Soprattutto in questa fase storica di riscrittura delle regole dell’autonomia, nessuno può sentirsi escluso dal fare la propria parte in un grande sforzo collettivo perché l’autonomia non è un problema del Consiglio provinciale, ma riguarda ciascuno di noi”. Dorigatti ha aggiunto che il rinnovamento dello Statuto sarà un’occasione importante sulla quale si giocherà il nostro futuro ed ha richiamato i passaggi cruciali che porteranno alla scrittura delle nuove norme e la fase di ampia partecipazione che si sta già attivando nel coinvolgimento dell’intera comunità trentina, in un raccordo con la vicina provincia di Bolzano. Il Presidente ha richiamato l’attenzione sul valore dell’autonomia come “modello”, un valore attorno al quale occorre risvegliare le sensibilità, “perché è vitale come l’aria per la crescita del nostro territorio”. Occorre cioè che l’autonomia si riaffermi in maniera forte come “laboratorio di innovazione” per rispondere a temi cruciali come quello del lavoro, della solidarietà, della convivenza sui quali non è più possibile rimandare oltre la riflessione e le soluzioni, ha aggiunto. Infine Dorigatti ha annunciato la prossima assemblea del Deier Landtag che si terrà nelle giornate di mercoledì 20 e giovedì 21 aprile prossimi a Trento, un organismo nato con l’obiettivo di rafforzare i rapporti transfrontalieri e la comunione di intenti con la vicina provincia di Bolzano.ACLI-Plotegher 1

Anche Violetta Plotegher (nella foto a lato) è intervenuta al Congresso nel proprio ruolo di assessore regionale ed ha richiamato l’importanza della fiducia e la necessità del cambiamento esortando la politica, in quella che ha definito la sua “funzione educativa”, a non strumentalizzare la paura, bensì ad interpretarla “con l’intelligenza del cuore e con la dinamica delle relazioni”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136