QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Accordo per lo sviluppo dell’area del Sebino: i dettagli

sabato, 15 luglio 2017

Marone – Abbiamo dato seguito agli impegni che avevamo preso e allo straordinario successo di ‘The Floating Piers’: l’evento piu’ visitato al mondo nel 2016, che ha dimostrato come, quando riusciamo a far conoscere le nostre bellezze, i turisti arrivano”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, questo pomeriggio, sul lago d’Iseo, in occasione della sottoscrizione dell’accordo per lo sviluppo dell’area del Sebino, dopo il successo internazionale dell’iniziativa ‘The Floating Piers’ dell’artista Christo.

sebino assessori regione sindaciAll’evento hanno partecipato anche gli assessori regionali Simona Bordonali (Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione), Viviana Beccalossi (Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Citta’ metropolitana), Mauro Parolini (Sviluppo economico) e Claudia Maria Terzi (Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile).

LOMBARDIA E’ ANCHE CULTURA E TURISMO – “Quello che facciamo oggi e’ coerente con la visione che noi abbiamo della Lombardia – ha proseguito Maroni -, che non e’ solo la prima regione manifatturiera e la prima regione agricola d’Italia, ma ha anche tantissime bellezze, luoghi di cultura, meravigliosi come questo, che dobbiamo valorizzare piu’ di quanto fatto finora”.

“Abbiamo concluso a maggio l”Anno lombardo del Turismo’ e abbiamo cominciato l’Anno lombardo della Cultura’ – ha aggiunto -: un binomio, quello di cultura e turismo, che funziona e che noi terremo insieme e il patto che oggi sottoscriviamo va esattamente in questa direzione”.

SANA RIVALITA’ UTILE – “Sono particolarmente soddisfatto anche perche’ qui si concretizza un modello, quello del ‘G16′, che voglio utilizzare ancora e altrove, nel rapporto con i territori – ha spiegato il presidente -: quello di mettere insieme amministratori, sindaci, di ‘sponde’ opposte, divisi da una sana rivalita’, come quella tra Bergamo e Brescia, che e’ una caratteristica dei nostri territori e che voglio gestire in modo virtuoso, mettendo insieme tutti e lanciando la sfida a realizzare cose insieme”.

SFIDA VERA SARA’ GESTIONE PROGETTO – “La sfida non e’ stata quella di essere riusciti, con la collaborazione di tutti, a metterci attorno a un tavolo – ha chiarito -: ma sara’ quella di gestire questo intervento ora e io voglio che sia il territorio, con i sindaci, a gestire”.

LOMBARDIA ESEMPIO DI CONCRETEZZA – “Noi mettiamo a disposizione risorse per 10 milioni di euro – ha concluso Maroni -, ma, se dovesse servire per realizzare gli impegni che abbiamo preso, non mancheranno le risorse da parte di Regione Lombardia, a condizione che gli amministratori dimostrino di lavorare insieme e di essere concreti, facendo le cose per bene e non ho dubbio che questo avverra’, per questo dico che dobbiamo guardare con ambizione al futuro di questo progetto. Deve essere un modello da esportare in tutte le Regioni: di fronte all’interesse comune dei cittadini occorre mettere da parte le appartenenze politiche e fare le cose concrete, come si fa in Lombardia”.

BECCALOSSI: “CON QUESTA INTESA CAPITALIZZIAMO GRANDE SUCCESSO DELL’EVENTO”

“Ancora una volta la Giunta Maroni pone in essere azioni concrete per lo sviluppo del territorio, scegliendo la strada del coinvolgimento dei Comuni e premiando i migliori progetti per favorire lo sviluppo turistico, ambientale e paesaggistico. Il Protocollo d’intesa firmato oggi con i Comuni del lago d’Iseo e’ il giusto modo per capitalizzare il grande successo di The Floating Piers”.

Lo dichiara l’assessore al Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Citta’ metropolitana di Regione Lombardia Viviana Beccalossi, oggi presente alla sottoscrizione del Protocollo d’intesa tra Regione Lombardia e i Comuni rivieraschi del lago d’Iseo ‘G16′ insieme al presidente Roberto Maroni e agli assessori regionali Simona Bordonali (Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione), Mauro Parolini (Sviluppo economico) e Claudia Terzi (Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile).

“Lo straordinario evento dello scorso anno – prosegue Viviana Beccalossi – ha avuto il merito di far scoprire al mondo questo territorio in un modo unico e spettacolare. Oggi questa eredita’ va capitalizzata permettendo ai 16 Comuni di realizzare opere e strutture che garantiscano continuita’ a questo ruolo che si sono ritagliate”.

“I prossimi anni – conclude Viviana Beccalossi – saranno fondamentali per mettere a frutto questo grande lavoro. Ai Comuni quindi il mio appello per selezionare le migliori proposte e soprattutto quelle concretamente realizzabili tra le priorita’ gia’ individuate per il futuro Accordo quadro di sviluppo territoriale”.

TERZI: “ATTENZIONE A QUALITA’ ACQUE PER CONTRIBUIRE A RILANCIO TURISTICO”

“Il programma degli interventi 2016-2019 del gestore d’ambito acque bresciane ha previsto un impianto di trattamento delle alghe ai fini della potabilizzazione per l’acquedotto del Comune di Monte Isola”. L’ha detto l’assessore all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile di Regione Lombardia Claudia Terzi intervenuta alla sottoscrizione dell’accordo per lo sviluppo dell’area del Sebino, dopo il successo internazionale dell’iniziativa ‘The Floating Piers’ dell’artista Christo, con il presidente Roberto Maroni e gli assessori regionali Simona Bordonali (Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione), Viviana Beccalossi (Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Citta’ metropolitana), Mauro Parolini (Sviluppo economico).

PROGETTO PILOTA CON UNIVERSITA’ DI BRESCIA – “Si tratta di un intervento molto importante – ha affermato l’assessore – e ci sono molte ragioni perche’ questa sia una priorita’. Monte Isola, infatti, e’ l’unico Comune bresciano che si approvvigiona direttamente nel lago d’Iseo e questo e’ un intervento importante che nasce da un’attivita’ di studio derivato da un progetto pilota realizzato anche in collaborazione con l’universita’ di Brescia”.

“La situazione del lago e’ nota da tempo – ha ricordato l’assessore -: abbiamo un problema algale legato all’eutrofizzazione del lago. Una criticita’ che deriva anche dalla situazione legata alle acque reflue che provengono dalla Val Camonica. In passato – ha aggiunto -, Regione Lombardia aveva gia’ avviato l’iter per la realizzazione del depuratore di Malonno”.

PATTO PER LA LOMBARDIA – “In questo contesto, nel Patto per la Lombardia sottoscritto a novembre con il Ministero dell’Ambiente – ha rimarcato l’assessore Terzi -, e’ stato inserito un finanziamento per il completamento del collettore (tratto Sellero-Cedegolo) afferente l’impianto di depurazione di Esine”. “Questo intervento – ha aggiunto – consentira’ di eliminare del tutto lo scarico di acque reflue non depurate provenienti dalla Valle Camonica nel lago e siamo certi che le acque del lago d’Iseo ne trarranno un immediato giovamento”.

IMPEGNO SINERGICO CONTRO LE CARENZE – “Regione e ufficio d’ambito di Brescia – ha sottolineato l’assessore – da tempo condividono la programmazione dello sviluppo delle infrastrutture del servizio idrico integrato prima di tutto per superare le carenze che, tra l’altro, hanno dato origine a procedure di infrazione comunitaria”.

OBIETTIVO POTENZIARE IL TURISMO – “Vogliamo che questo bellissimo territorio – ha concluso l’assessore Terzi – possa attrarre turismo e le risorse impegnate da Regione Lombardia, oltre al lavoro sinergico con gli attori locali, serviranno sicuramente a raggiungere questo scopo.

PAROLINI: “PRONTO PROTOCOLLO D’INTESA PER DOPO EVENTO”
“Abbiamo approvato uno schema di protocollo d’intesa con i Comuni del Sebino per cofinanziare interventi di promozione, riqualificazione, infrastrutturazione e valorizzazione turistica di quest’area nel dopo ‘The Floating Piers’ del valore di oltre 20 milioni di euro per i prossimi tre anni. Regione Lombardia si impegna a reperire 10 milioni di euro e altrettanto faranno gli enti locali coinvolti”. E’ quanto ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia Mauro Parolini oggi presente alla sottoscrizione del Protocollo d’intesa tra Regione Lombardia e i Comuni rivieraschi del lago d’Iseo ‘G16′ insieme al presidente Roberto Maroni e agli assessori regionali Viviana Beccalossi, (Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Citta’ metropolitana), Simona Bordonali (Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione) e Claudia Terzi (Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile).

LAVORO CON I COMUNI – “Grazie all’impegno del presidente Maroni e al lavoro che ho svolto, su sua delega, con i Comuni in questi mesi per individuare gli interventi prioritari – ha aggiunto l’assessore – compiamo oggi un passo concreto molto importante per raccogliere e consolidare l’eredita’ che ha lasciato la passarella di Christo su questo territorio. I Comuni del Sebino hanno saputo mettersi in gioco, comprendendo che la grande opportunita’ di The Floating Piers richiede impegno costante e capacita’ di mobilitare anche risorse private”.

ANNO DEL TURISMO – “Dopo il successo internazionale testimoniato dai numeri dei partecipanti e dalla grande popolarita’ che questo territorio ha ottenuto in tutto il mondo – ha concluso Parolini – avevamo di fronte due grandi sfide da affrontare: rafforzare la grande unita’ di intenti e le sinergie istituzionali che si sono sviluppate attorno alla passerella e garantire lo sviluppo di un’offerta turistica piu’ strutturata. Con questo provvedimento, al termine di un anno completamente dedicato al turismo, raccogliamo queste sfide e iniziamo un cammino concreto per consolidare il salto di qualita’ di questa area turistica, che ha gia’ dimostrato di saper mettere in campo competenze adeguate”.

BORDONALI: “REGIONE CONCRETA, FONDI ANCHE PER SICUREZZA STRADALE”
“Siamo davvero felici per la stipula di questo accordo. Si tratta di un investimento volto a realizzare progetti concreti e richiesti dal territorio, in perfetto stile lombardo. Mi fa particolarmente piacere che, tra questi, alcuni siano relativi alla messa in sicurezza di piste ciclabili e, piu’ in generale, volti a garantire una maggiore sicurezza stradale”.

E’ il commento dell’assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione di Regione Lombardia Simona Bordonali oggi presente alla sottoscrizione del Protocollo d’intesa tra Regione Lombardia e i Comuni rivieraschi del lago d’Iseo ‘G16′ insieme al presidente Roberto Maroni e agli assessori regionali Viviana Beccalossi (Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Citta’ metropolitana), Claudia Terzi (Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile) e Mauro Parolini (Sviluppo economico).

PROMOZIONE TURISMO CICLOPEDONALE – “Sono interventi – ha sottolineato l’assessore Bordonali – che serviranno anche a promuovere il turismo ciclopedonale nella zona”.

RISULTATI POSITIVI STIMOLANO A FARE ANCORA DI PIU’ – “In questi anni – ha concluso Bordonali – la Regione Lombardia ha fatto molto per i comuni del Sebino, con risultati positivi che ci stimolano a fare ancora di piu’”.

L’ACCORDO PER IL SEBINO – SCHEDA

Il progetto nasce dalla necessita’ di proseguire, consolidare e potenziare la grande sinergia tra le Istituzioni locali, che ha garantito il successo dell’evento ‘The Floating Piers’ (18 giugno – 3 luglio 2016) e che, oltre ad aver collocato il lago d’Iseo al centro dell’esperienza artistica contemporanea, ha rappresentato anche una opportunita’ di promozione turistica del territorio lombardo, del lago d’Iseo e dei territorio bresciani e bergamaschi.

ITER – Il percorso e’ stato avviato il 13 luglio 2016, durante l’incontro, denominato ‘G16′, tra il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e 16 sindaci del territorio del Sebino.

Il 29 luglio 2016, in Regione Lombardia, a Milano, sono state definite le modalita’ procedurali di attivazione dello strumento di Programmazione negoziata: ogni Comune, entro la meta’ di settembre, avrebbe dovuto presentare una ricognizione sullo stato di fatto, sui progetti ritenuti prioritari, su quelli gia’ pronti o in itinere e sulle opere pronte alla conclusione.

APPROVAZIONE SCHEMA DI PROTOCOLLO INTESA – Con DGR 6635 del 29 maggio 2017 e’ stato approvato lo schema di protocollo d’Intesa tra Regione Lombardia e i Comuni di Iseo, Marone, Monte Isola, Paratico, Pisogne, Sale Marasino, Sulzano, Castro, Costa Volpino, Lovere, Parzanica, Predore, Riva di Solto, Sarnico, Solto Collina, Tavernola Bergamasca finalizzato alla definizione di un Accordo Quadro di Sviluppo Territoriale (AQST) per il rilancio, la riqualificazione, la valorizzazione e la promozione dell’area del Sebino. Dopo l’approvazione con delibera da parte di tutti i comuni aderenti il Protocollo d’intesa e’ stato oggi sottoscritto.

OBIETTIVI
Quattro i principali obiettivi da raggiungere:
- lo sviluppo dell’attrattivita’ turistica dell’area, attraverso una adeguata attivita’ di promozione territoriale e il potenziamento delle infrastrutture, dei servizi e delle strutture turistiche, oltre che dei servizi di balneazione e di navigazione;
- la tutela ambientale e protezione del territorio, con particolare attenzione alla qualita’ delle acque;
- infrastrutture e mobilita’, con l’avvio dello sviluppo di un percorso ciclabile che permetta di percorrere l’intero periplo del Sebino e l’eventuale collegamento con le ciclabili della Franciacorta, oltre alla messa in sicurezza delle strade provinciali interessate da fenomeni franosi e caduta massi (ex SS 469 Sebina Occidentale, la SP 510);
- promozione del patrimonio culturale e caratterizzazione dell’area come sede di appuntamenti e iniziative di alto livello artistico.

RISORSE – Regione Lombardia mette a disposizione 10.000.000 di euro in tre anni per l’attuazione degli interventi previsti nell’AQST, per un massimo di 600.000 euro per ogni Comune che prende parte all’Accordo.

I Comuni si impegnano a assicurare il proprio co-finanziamento per una quota di risorse almeno equivalente a quella stanziata da Regione Lombardia per il proprio Comune e ricercare altre opportunita’ di co-finanziamento delle progettualita’ da parte di soggetti privati.

STRUMENTI PER L’ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO – E’ previsto l’insediamento di un Tavolo tecnico operativo, composto da tecnici individuati dalle parti, coordinato dalla Presidenza della Regione Lombardia, con il mandato di formulare una proposta di obiettivi e azioni da porre a base dell’Accordo Quadro di Sviluppo Territoriale. Sara’ affiancato da un Comitato istituzionale, composto da un rappresentante istituzionale di ciascun ente sottoscrittore, che licenziera’ la proposta di AQST per quanto attiene a contenuti, importi di spesa, obiettivi e partnership.

ALTRI INTERVENTI DI PROMOZIONE DELL’AREA – Con DGR 5772 del 8 novembre 2016 nell’ambito dell’Anno del Turismo in Lombardia e’ stato inserito il programma d’intervento ‘Promozione area lago d’ Iseo sulla scia di The Floating Piers’. Sono stati stanziati 200.000 euro per le azioni di sostegno alla promozione del territorio. In particolare, il progetto prevede un piano coordinato di promozione, l’estensione dei canali promozionali e accordi strategici, la realizzazione di un piano della comunicazione. Il soggetto attuatore e’ Unioncamere.

‘LE PALAFITTE’ – Il 6 giugno 2017 e’ stato firmato l’Accordo di collaborazione tra Regione Lombardia, Comune di Sulzano (Bs) e Autorita’ di Bacino, per la riqualificazione, apertura e gestione de ‘Le Palafitte’, locale storico del lago d’Iseo, di proprieta’ del demanio lacuale, ma in gestione al Comune di Sulzano, che lo utilizzera’ come spazio per le attivita’ culturali, artistiche, didattiche ed enogastronomiche.

Regione Lombardia ha messo a disposizione 178.000 euro per l’adeguamento edile e impiantistico; la struttura sara’ oggetto di una prima sistemazione, per poter ospitare eventi temporanei fino al 31 dicembre, tra cui la mostra fotografica su ‘The Floating Piers’, che inaugurera’ l’artista Christo, a settembre, e poi di una sistemazione definitiva entro i primi mesi del 2018.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136