QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Accordo di programma Aree interne, Parolo: “A breve disponibili le risorse per l’Alta Valtellina”

mercoledì, 15 marzo 2017

Bormio – “Con la firma dell’Agenzia per la Coesione territoriale e quella del Direttore regionale Manuela Giaretta, l’attesa sottoscrizione dell’Accordo e’ in dirittura d’arrivo. A breve seguiranno le firme dei Ministeri coinvolti ed entro la prossima settimana anche i quasi 4 milioni di risorse, provenienti dallo Stato, saranno disponibili per i beneficiari dell’Alta Valtellina”. A dichiararlo e’ Ugo Parolo, sottosegretario alla Presidenza con delega ai Rapporti con il Consiglio regionale, Politiche per la Montagna, Macroregione Alpina (Eusalp), ai Quattro Motori per l’Europa e alla Programmazione negoziata, commentando l’avvio della sottoscrizione dell’Accordo di Programma Quadro (APQ) Area Interna Alta Valtellina.

LE RISORSE
“Si tratta – prosegue Parolo – di un progetto che mette a disposizione del territorio interessato oltre 19 milioni di euro, che, aggiunti ai quasi 50 milioni messi a disposizione dalla Convenzione con il Fondo Comuni confinanti, daranno la possibilita’ all’Alta Valtellina di rafforzare il suo ruolo di principale comprensorio turistico della montagna lombarda”.

POTENZIAMENTO SERVIZI
“In particolare – chiosa il sottosegretario -, con le risorse che ora si rendono disponibili, verranno potenziati i servizi ai residenti, con riguardo agli istituti scolastici di primo e secondo grado, che potranno cosi’ migliorare la propria offerta formativa anche in rapporto alle vocazioni territoriali dell’Alta Valtellina. Verranno inoltre potenziati i trasporti pubblici del Comprensorio, sia ai fini dell’accessibilita’ turistica e della partecipazione a corsi di specializzazione”.

ORA TUTTI AL LAVORO
“Il Progetto, con gli interventi che prevede – conclude Parolo – portera’, oltre alla crescita occupazionale, un incremento dei servizi alla cittadinanza e una inversione nelle dinamiche demografiche. Sta adesso a tutti i beneficiari rimboccarsi le maniche, per far partire rapidamente tutti i progetti e consentire al territorio dell’Alta Valle quel salto di qualita’ che si attende da anni”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136