QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

A Mori ristoratori e produttori “alla scoperta del Marzemino”

giovedì, 1 giugno 2017

Mori – Nei giorni scorsi, presso la Cantina Mori Colli Zugna a Mori, si è svolto “Alla scoperta del Marzemino“, giornata dedicata al Marzemino, nata con l’obiettivo di far incontrare produttori e ristoratori in un contesto formativo orientato a fare cultura di prodotto.

mLa mattinata è iniziata con un intervento storico-culturale a cura del giornalista Nereo Pederzolli, che ha raccontato le origini georgiane del vitigno, le sue evoluzioni in Europa e l’insediamento in Trentino, sottolineando le differenze con il Marzemino Veneto e proiettando il suo documentario “Archevitis”. Un contributo mirato a offrire a produttori e ristoratori delle curiosità da proporre ai propri visitatori e ospiti.

A seguire, l’ONAV Sezione di Trento, grazie alla competenza di Luca Miorandi e Gianfranco Betta, ha proposto una degustazione tecnica di 16 etichette proposte dai 10 produttori presenti  -  Azienda Agricola La Cadalora, Cantina d’Isera, Cantina Mori Colli Zugna, Cantina Sociale di Trento, Cavit, Cantina Aldeno, Concilio, Maso Salengo Azienda Agricola, Spagnolli Vini e Vivallis - suddivise per tipologia: 9 etichette di Trentino DOC Marzemino, 4 di Trentino DOC Marzemino Superiore sottozona di Isera e altre 4 di Trentino DOC Marzemino Superiore sottozona dei Ziresi.

Al termine, alcuni dei ristoratori presenti, una ventina in totale, hanno proposto 6 ricette pensate per valorizzare al meglio i Marzemino degustati: due piatti sono stati proposti da Moja Ristorante Caffetteria di Rovereto, due dalla Locanda D&D di Nogaredo e due dalla Locanda delle Tre Chiavi di Isera. Il tutto coordinato da Sergio Valentini, coadiuvato da una decina di studenti del progetto GRAN MIX – Scuola non Scuola.

Infine, si è passati alla quarta e ultima parte, con un incontro b2b tra produttori e ristoratori, mirato a favorire il dialogo tra i due mondi e a raggiungere accordi commerciali legati all’inserimento dei prodotti nelle carte dei ristoranti presenti.

Nell’ideare questa giornata - ha dichiarato Francesco Antoniolli, Presidente della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino - siamo partiti dalla consapevolezza che debbano essere proprio i ristoratori trentini i primi ambasciatori delle eccellenze del territorio. Visto il successo e l’interesse registrato - prosegue - è nostra intenzione ripetere il format su vitigni e territori in altre occasioni“.

L’incontro precede la kermesse “A tutto Marzemino” (1-31 luglio), per la quale la Strada ha chiesto ai propri associati di organizzare momenti concreti di valorizzazione di questo prodotto, come ad esempio visite in cantina, degustazioni, aperitivi o cene a tema.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136