QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Collaborazione tra Tirolo, Alto Adige, Trentino nel soccorso alpino: contributo da un milione per la ricostruzione post terremoto

venerdì, 16 settembre 2016

Trento – Nei video Euregio di settembre anche Ttip e Forte di Nauders.  Collaborazione Tirolo, Alto Adige, Trentino nel soccorso alpino. L’Euroregione Tirolo-Alto Adige-Trentino può vantare una rete sviluppata e molto capillare di professionisti e volontari che si adoperano nella protezione civile. Un impegno comune che si è tradotto anche con il contributo di 1 milione di euro per la ricostruzione post terremoto del 24 agosto in Centro Italia. Ma che punta anche a tre obiettivi da perseguire assieme: un bollettino di allerta valanghe comune per l’Euregio, una App da utilizzare per il soccorso e una formazione comune a livello Euregio nell’ambito del soccorso. Tutto questo sui video dell’Euregio di settembre.
soccorso-alpino-tirolo

L’Euregio, oltre alla propria comunicazione quotidiana attraverso la pagina www.facebook.com/europaregion.info, sul proprio sito www.europaregion.info propone anche video di persone e luoghi che rendono unico il territorio dell’euroregione alpina. Il personaggio di settembre è Hermann Spiegl, responsabile del soccorso alpino del Tirolo. Spiegl ha cominciato la sua avventura nella protezione civile nel 1978 entrando nel soccorso alpino di Kramsach e nella sua carriera vanta 150 interventi di soccorso in montagna, 974 interventi di elisoccorso e 25 interventi con unità cinofile da valanga. Nell’intervista sul sito Euregio Spiegl esprime il suo desiderio di mettere in comune un grande patrimonio di esperienze e conoscenze euroregionali in ambito del soccorso.

La seconda intervista mensile è con Walter Obwexer, professore di diritto europeo ed internazionale dell’Università di Innsbruck, che cerca di analizzare possibili positività e negatività del Trattato transatlantico per il commercio e gli investimenti (Ttip) per l’Europa.

Le sorti future del (Ttip) sono incerte, vista l’incertezza sul se e quando si arriverà ad una chiusura dei negoziati fra Stati Uniti ed Europa.

Obwexer ha sintetizzato il Ttip individuando tre aspetti positivi e tre negativi. Tra i possibili vantaggi vi sarebbero poter dialogare più direttamente con un mercato di grandi dimensioni come quello degli Stati Uniti, una maggiore liberalizzazione dei servizi per le imprese, un’apertura anche all’interno dei mercati di servizi pubblici. Fra gli svantaggi invece una limitazione degli standard di qualità che l’Europa ha fissato, limitazioni per gli aspetti democratici visto il rischio che vengano bypassati i parlamenti, il fatto che l’Unione Europea non possa più emanare norme in contrasto con il Ttip qualora questo entrasse in vigore.

Infine un luogo da scoprire, un consiglio per una gita di fine estate, si va a Nauders, a nord del Lago di Resia vicino al punto dove si incontrano Italia, Austria e Svizzera.

L’imponente Forte di Nauders domina l’inizio del sentiero dei Kaiserschützen, costruito nel 1916 e recuperato e riaperto come percorso didattico nel 2015, fortificazione che si è mantenuta intatta dall’epoca dell’impero austro-ungarico. Il Memoriale dei Kaiserschützen ospitato nel forte, permette di immergersi nella storia della Prima Guerra Mondiale. Dal Forte di Nauders un ardito sentiero conduce attraverso i boschi fino alle fortificazioni sull’altura delle Sellesköpfe. Oltre al panorama mozzafiato sul cosiddetto “triangolo retico”, lungo il Kaiserschützenweg vi sono anche 30 pannelli didattici sulla Grande Guerra.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136